Intervista ad Alessio Lupi, organizzatore de La Marguttiana

Posted on Posted in Interviste, Notizie

Intervista ad Alessio Lupi, a pochi giorni di distanza dalla chiusura delle iscrizioni alla mostra di pittura e fotografia La Marguttiana edizione 2016.

Alessio Lupi, classe ‘92, Santerenzino, è uno studente all’ultimo anno della specialistica di Ingegneria Energetica presso l’Università degli studi di Pisa. Insieme ad altri collaboratori, si occupa dell’organizzazione della mostra di pittura e fotografia de La Marguttiana edizione 2016.

OFFICINA DELLE IDEE: Alessio, manca davvero poco all’apertura de La Marguttiana edizione 2016; quando e come nascono la passione e l’interesse per il mondo dell’arte?

ALESSIO: La Marguttiana è sempre stata per me uno dei simboli dell’estate. Ricordo da bambino l’atmosfera caratteristica di questa mostra. Un via vai di pittori alla ricerca del posto migliore dove appendere i propri quadri, il profumo di pittura ancora fresca di alcune opere, le luci soffuse e i colori delle file di lampadine e bandierine che addobbavano Via Azzarini e Via Trogu. Nel mese di Settembre, in concomitanza dei festeggiamenti della Madonna dell’ Arena, sempre a San Terenzo, mio nonno Amerigo ha organizzato per più di vent’anni un altro evento artistico: una mostra-concorso di fotografia, anch’essa molto vissuta dalla comunità locale.

ODI: Da dove nasce e chi sono gli artefici di questa “nuova” Marguttiana?

A: Quasi due anni fa, dopo la scomparsa di Amerigo, ricordando il suo grande attaccamento verso questi eventi e i bei ricordi lasciati dalle sue iniziative, io e mia zia Lorenza, insieme al resto della mia famiglia, abbiamo deciso di ricreare una “nuova” Marguttiana capace di unire in un solo evento pittura e fotografia. Organizzare un evento, ricostruendo il tutto dalle sue fondamenta non è stato facile. L’edizione 2015 della Marguttiana è stata possibile grazie all’impegno e alla grande passione dei fotoamatori Andrea Piotto, Alessia Franco, Damiano Serra e Niccolò Puppo che hanno curato la parte fotografica, al fondamentale sostegno economico dei commercianti “ASCOS” San Terenzo, – e vorrei citare e ringraziare in particolare Antonio, Marco e Mariangela per il loro enorme supporto – alla partecipazione di MCL e della Galleria Canci e a tutti coloro che, a titolo gratuito, hanno contribuito all’allestimento occupandosi del montaggio luci e trasporto griglie.

ODI: Alessio, prima di te tuo nonno Amerigo ha creato e gestito questo evento. Come ricordi il rapporto di tuo nonno con La Marguttiana?

A: Ricordo che mio nonno si è sempre dedicato con grande impegno ed entusiasmo ad iniziative come queste, cercando di coinvolgere il più possibile le diverse anime del paese. Supportato dalla parrocchia di San Terenzo e dal suo amato Movimento Cristiano Lavoratori, iniziava a lavorare all’organizzazione dell’evento con grande energia parecchi mesi prima dell’apertura della mostra.

ODI: Quali sono gli elementi e i valori che caratterizzano La Marguttiana sin dalla sua prima edizione e ad oggi non sono mutati?

 A: Dalla sua nascita, i valori che caratterizzano La Marguttiana, e che con il tempo non sono cambiati sono la sua semplicità e il senso di appartenenza alla comunità locale. In tutte le edizioni si è sempre riusciti ad unire in una sola mostra gli artisti più variegati, dal piccolo artigiano che si diletta con i propri lavori al pittore più affermato. La Marguttiana ha sempre rappresentato un luogo di ritrovo e socializzazione per gruppi di artisti eterogenei e la comunità locale. Dopo anni, con grande soddisfazione, tutto ciò, siamo riusciti a conservarlo fino ad oggi.

ODI: Rispetto alle edizioni passate, quali sono invece le novità più significative di quest’anno?

A: Quest’anno l’Amministrazione – che ringrazio sentitamente per l’impegno preso – ha deciso di supportare e promuovere maggiormente la Marguttiana permettendo così di avere una manifestazione di carattere nazionale. La giuria è composta da professionisti di chiara fama nel settore fotografico. La Marguttiana non è più soltanto mostra, ma, è arricchita da eventi collaterali inerenti al tema della fotografia presso il Parco Shelley. Saranno ospiti: Maurizio Galimberti fotografo di fama internazionale, Claudio Barontini fotografo di celebrità, Enrico Gusella critico e storico dell’Arte, Carmen Masi direttrice dell’agenzia fotografica Karma Press di Milano ed Emanuele Piccardo architetto e fotografo. La mostra di pittura invece si svolgerà secondo tradizione nella splendida cornice di Via Azzarini e Via Trogu.

ODI: Cosa ci riserva il futuro? In che direzione e livelli vorresti portare la Marguttiana nei prossimi anni?

A: Il mio impegno nell’organizzare la Marguttiana continuerà sicuramente anche nei prossimi anni. Cercheremo di preservare il più possibile i suoi punti di forza tradizionali, gli ideali ed i valori ma al tempo stesso, sarà nostro obiettivo promuovere la manifestazione al di fuori dei confini del nostro territorio.

ODI: Ancora qualche giorno e si chiudono le iscrizioni. Sei soddisfatto del numero e della qualità delle proposte arrivate fino ad oggi?

A: Si. Sono molto soddisfatto. La risposta degli artisti è stata notevole. La manifestazione cresce e rispetto alla passata edizione quest’anno abbiamo ricevuto un numero maggiore di partecipazioni. Vorrei ricordare, a chi ancora non ha aderito, ma è interessato, che il termine ultimo per la presentazione delle candidature è Sabato 16 Luglio. Sono curioso di scoprire quali saranno i fotografi finalisti che esporranno alla mostra e che concorreranno all’importante primo premio di 1.000€.

ODI: Complimenti e in bocca al lupo !!

A: Grazie e crepi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *